Sicilianu e ’taliànu

alfabeto

Sicilianu e ’taliànu

(dialogo)

Un beddu jornu ’a lingua siciliana

tuttu pinzava menu chi ’ncuntrari

mpigna mutriata  e pronta pi ‘mpittari

nautra lingua… chidda ’taliàna.

’taliànu –Come ti sei permessa gran villana

dopo che i siciliani bontà loro

avean di me già fatto gran tesoro

e certo senza fare strada vana.

sicilianu – La strata ’nveci era assai sbagghiata

e menu mali ca si nn’addunaru

e li rrarichi poi si ripigghiaru

mittennu arreri ’n mucca ’a lingua amata.

’taliànu –Il siculo evoluto non ti loda

sei destinata ad esser soppiantata

e dai tuoi figli poi dimenticata

in quanto troppo arcaica e fuori moda.

sicilianu -Ma ’zoccu dici… chi ti scappa ‘i mmucca

jo sugnu rispittata d’’i me’ figghi

e zittuti si nnò t’ammustru l’agghi

si ‘nsisti a cumpurtariti di cucca.

’taliànu –Non mi comporto affatto da civetta

dico la verità ed è palese

che son parlata in tutto il bel paese

e tutti gli alti ceti mi dan retta.

sicilianu -Aaah!!…su’ chiddi ca pi diri picca o un nenti

‘cumìncianu d’’a gènisi acchianari

cu mia ’nveci senza assai çiatari

cu l’occhi e ’i smorfii parranu li genti.

sicilianu -Perciò sentimi a mia lingua ’taliana

si tu voi caminari o latu a mmia

fallu senza attuppàrimi la via

e un’annacari ’u culu…gran buttana!!

Vincenzo Aiello

Bagheria, 26 giugno 2012

Nessun commento ancora

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *