Senza ri tia

senzaritia

Senza ri tia

(a mia moglie)

Passaru già vint’anni amuri miu

e pari ca fù ajeri, a prima vota

ca ’i nostri occhi si ’ncuntraru.

Tu addivintasti pi mia ’a pianta ri rosa

cchiù bedda d’’u mè jardinu

’a rosa ca fici tri boccioli

fruttu d’’u nostru amuri supraffinu.

Un’arrinesciu a ’mmagginari

’a me vita senza ri tia.

Senza ri tia

fussi ’na rrarica c’’a terra scutulata.

Senza ri tia

fussi nu scogghiu

privatu d’’a carizza di lu mari.

Senza ri tia

fussi na pampina

mai tuccata d’’u ventu.

No… senza ri tia

un’avissi mutivu

di essiri cuntentu.

Perciò amuri miu ti vogghiu riri

ca io luntanu ’i tia nun pozzu stari

riggina d’’a me vita …occhi di stiddi

’a to vuccuzza jincu di baciddi

Senza ri tia

Volli dedicare questa poesia a Mariella in occasione del nostro 20° anniversario di matrimonio. Ho cercato di racchiudere in questi versi, tutto l’amore che provo per Lei, volevo dirle in questo modo, cose che forse non sono mai riuscito a dirle con le parole. Anche se so che è molto

difficile racchiudere in pochi versi il sentimento di un grande amore, spero di esserci riuscito almeno in parte, perché lei è una persona che mi ha dato tanto, e che merita tutto l’affetto di questo mondo. Mi sento molto fortunato di averla accanto come compagna di vita, perché senza di lei io non sarei io.

Vincenzo Aiello

Nessun commento ancora

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *