Se mi riesce

simarrinesciita

Si m’arrinesci

_____

Se mi riesce

Fogli buttati di qua … di la…

 Alcuni li tengo

in mezzo al vocabolario siciliano

… altri imprigionati

dentro la grammatica del Pitrè.

Scritti così…

per chiudere dentro una gabbia di carta

parole venute a galla dal fondo dei miei pensieri.

Ogni tanto li prendo…gli do una guardata

li maneggio, aggiungo, correggo

cancello, sposto, combacio rime…

Pezzi di poesia o…carta imbrattata?

Chi lo sa cosa sono?

Certe volte che li ho usciti

la mano del vento l’ha fatto volare con se

come se volesse farmi capire

che appartengono a lui

e solo lui è padrone

di farne quello che vuole.

Lasciarli volare per sempre come bolle di sapone

o farli posare dolcemente

davanti le pupille dell’uomo

che cerca l’incanto della poesia?

Se mi riesce voglio essere vomere

che affonda dentro la terra della lingua siciliana.

Dissotterrare zolle di parole in disuso

e… come bianco gelsomino farle fiorire di nuovo

per poi un giorno… soddisfatto

vederle ballare di nuovo

sopra le labbra dei bambini siciliani.

Vincenzo Aiello

Bagheria,15 febbraio 2010

Nessun commento ancora

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *