Rovisto in mezzo ai pensieri

tranquillita

Rovisto in mezzo ai pensieri

Mi sento come dentro ad un roveto

che appena io mi muovo già mi pungo.

E rovisto tra i pensieri

cercando un viottolo privo di spine

da dove uscire

senza insanguinare i dolci sogni

senza calpestare troppo le zolle

lasciate leggiere sopra le terre dell’anima

che aspettano nuova semina.

E l’acqua che scende leggiera dal cielo

inumidisce le ciglia

intorpidite dal freddo dell’apatia

e mi sveglia da un lungo sonno.

Stamattina il sole sorge da ponente

e sale alto

a fermare il tempo di quest’epoca

che ha partorito troppe cose brutte.

Da lontano

un’eco di campane

accarezza le tegole di tutte le case

come fossero guance di neonato

e nell’aria regna la più profonda pace.

Così la mia speranza rimane viva

fino a quando la mente regge

e lo stoppino della lampada della vita

ubriaco di gasolio antico

rimane acceso

a far  luce

negli antri più nascosti

dell’essere.

Nessun commento ancora

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *