Miki

miki

Miki

Ti pensu e nun ti penzu

ma si cci penzu…

ca sulu raccussì pozzu ’ncuntrari

’a to facciuzza sempri allegra e bedda

allura sentu ’na fitta nto cori

e comu tanti ruppa nte vuredda.

Un ci ’u ricisti a nuddu dda matìna

ti nnì jisti araçiu

senza ncuitari….a nuddu

e ora p’’u Signuri e l’Ancileddi

’na giostra ’n paraddisu fai girari.

’U megghiu amicu tu fusti pi mia

sinceru bonu e sempri affizziunatu

e puru siddu avivi ’i to’ raggiuni

un mi ricordu mai Miki arrabbiatu.

Tu nni lassasti a tutti senza çiatu

pi tia chianceru ranni e picciriddi

e tanti fimmineddi ’nnamurati

ca p’un tò sì s’avissiru sciarriatu.

Sulu pi tia si pottinu firmari

Aspira Baharia e Purticeddu

pi ddu corteu ca un finiva mai

ca mancu p’’u cchiù illustri baruneddu.

Na cosa sula vogghiu ca tu sai

pi mia ri cca… un ti’ nna jutu mai.

Miki

 Il mio migliore amico Miki Carbone si spense stroncato da un aneurisma celebrale in quella maledetta notte del 28 giugno del 1995.

Splendido ragazzo pressoché trentenne, amato da tutti per la sua generosità e disponibilità verso il prossimo, Miki svolgeva l’attività di giostraio presso la ditta del padre con gioia e passione.

Ricordo sempre con molto piacere il tempo trascorso con Lui in quelle sere d’inverno, uno di fronte all’altro incollati alla scacchiera.

Chissà se un giorno ci rincontreremo? Se così sarà, prenderò la mia scacchiera la porrò

tra lui e me, e gli proporrò un’ennesima partita a scacchi, cancellando così il tempo trascorso in sua assenza.

Nessun commento ancora

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *