L’opera dei pupi

opera dei pupi siciliani

L’opera dei pupi

________

Anticamente ora un po’ di meno

al posto del cinema e il teatro

per tutti il passatempo era un altro

anche perché c’era ristrettezza.

C’era il puparo che col carrozzone

quando arrivava si fermava in piazza

usciva cartelloni e pupi in braccio

con la speranza di riempirsi la saccoccia.

Il pupo stava dentro il teatrino

e sopra di lui stava il puparo

che lo muoveva con fili d’acciaio

con maestria e un fare sopraffino.

Alla fine di tutto lo spettacolo

Passava col piattino o col cappello

E raccoglieva qualche soldino

C’è quando gli andava bene e quando scarsa

Ora i carrozzoni sono i partiti

E i pupari li conosciamo tutti

e come fanno i soldi lo sappiamo

tra loro son nemici e sempre amici

Di giorno sono nemici all’occhio della gente

se uno dice nero…l’altro…bianco!!!

ma com’è sera mangiano fianco a fianco

e ognuno di loro di noi se ne frega

Di pupi per le strade c’è ne un sacco

che facili si fanno manovrare

e fino che ci son pupi e pupari

noi altri non ci risolleveremo mai

Nessun commento ancora

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *