La me musa

la me musa

La me Musa

Spenniri dui palori

ora vulìa pi Idda

ca cu li so tisori

quariò ’a me arma fridda.

Ciatannumi nt’aricchi

cosi di gran valuri

si sbarrachiaru l’occhi

e scumpariu l’arsuri.

Cu d’acqua frisca e linna

chi nesci di surgiva

comu ddu latti di minna

di matri putativa.

Chi duna ginirusa

a tutti li Pueti

dda spica priziusa

ca la so manu meti.

E a mia ’a vuleva dari

di notti a sonnu chinu

e io un mi vosi jisari

la testa d’’u cuscinu.

Si surdu mi fincivu

io ci addumannu scusa

e pi chiddu chi scrivu

ringraziu la me Musa!

Vincenzo Aiello

Bagheria, aprile 2017

Nessun commento ancora

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *