Federicu

federicu

Federicu

(a mio figlio Federico nel giorno del suo 18° compleanno)

 

Nascisti nicu comu un cunigghieddu

ma li biddizzi to’ già li ‘mustravi

capiddi di carvuni e occhiu beddu

com’un ritrattu tu m’assimigghiavi.

 

Mairu siccu nta pàmpina criscivi

ca nni passammu jorna di pinzeri

quant’acidduzzu…. picca tu  manciavi

e ‘nfin’a du’ anni menzu mutu eri.

 

Ma doppu tanti stenti po’ spicasti

cchiu longu ‘i mia ora ti facisti

comu ‘nu tàvaru ora addivintasti

e a tipu canna ‘i stenniri allungasti.

 

Ti piaci fari ‘u jocu-fucuraru

di nicu e nicu hai sta passioni

e puru fari lu tammurinaru

ma pigghi sbagghi s’hai sti ‘ntinzioni.

 

Sti cosi falli puru…. ma pi svagu

nne jorna ca lu tempu t’accunsenti

d’ora ‘n avanti ‘a vita un’è cchiu un jocu

tasta ogni cosa e nun lassari nenti.

 

Ci dici sempri si a ccu cerca aiutu

di tutti li picciotti un ver’amicu

un’umiceddu veru assistimatu

e bravu!!…stu me figghiu Federicu.

 

Vincenzo Aiello

Bagheria, 15 maggio 2009

Nessun commento ancora

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *