Dunn’eru a finiri ‘i picciutteddi?

ragazzi che giocano

Dunn’eru a finiri ‘i picciutteddi?

Dunn’eru a finiri ’i picciutteddi?

mi nni ricordu a sbardi strati-strati

quannu s’assicutavanu ridennu

e stanchi si firmavano sudati.

L’occhi spirdati e li sacchetti chini

di strummuli e di petri ’nquantitati

li bummuli nta testa a dui a dui

e li rinocchia  sempri ’nsanguliati.

Vidennuli purtavanu armunia

e cu iddi stava ’n festa la vanedda

tra jochi e spissu verri a pitruliati

e c’occhi abburdatina ’i picciuttedda.

Ora stannu ’ntanati nta li casi

davanti a sti compiuter maliritti

missaggianu e si ciattanu nta r’iddi

e li telefunini tennu stritti.

Un ci nn’ è mancu unu pedi-pedi

c’’a bedda scrima ’i latu nte capiddi

ràtinni nautra vota ’i picciutteddi

li strati senza d’iddi sunnu friddi.

Vincenzo Aiello

Bagheria, 5 settembre 2011

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *