Cu si la senti… si la senti

cusilasentisilasenti

Cu si la senti… si la senti

Cicireddu cicireddu(*)

sempri ‘nmenzu la ‘nzalata

chi to occhi tu ti vidi

lu cchiù beddu d’à cuvata.

Nun c’è festa senza ‘i tia

ti cci ‘nfili nzirragghiatu

e ‘un capisci ca napocu

ti vulissiru struppiatu.

Si c’è unu ca t’accupa

la drittura ‘i l’obbiettivu

tu cci du ‘na çiancunata

cu dda facci to di sivu.

S’un cunsigghiu voi di mia

tu ca li voi dari a tutti

datti ‘na svunciata à cricchia

ca poi cogghi cchiù assai frutti.

Vincenzo Aiello

 Bagheria; 31 maggio 2006

Nessun commento ancora

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *