Aylan

turchia-bambino-morto

Aylan

 

Partisti di dda terra sfurtunata

china di mali genti guirriggianti

nsemmula cu to patri Abdullah

pi tia spiranzi avìa in quantità.

 

Doppu tanti viaggia juti tinti

iddu nun s’arrinìa e cuntinuava

tanta spiranza avìa di migghiurari

la vostra vita e allura un si firmava.

 

Ma la vintura so fu troppu tinta

nsemmula a tia nna ddu viaggiu nfami

persi puru a to frati e lu so amuri

e arvulu s’arritruvò senza cchiu rami.

 

Aylan, tu ora si nne nostri cori

taliannu ’a to facciuzza supra ’a rina

addivintasti figghiu ’i tutti nuatri

e fijura ca ’a cuscenza n’arrimina.

 

La nostra s’arrimina, ma ’a spiranza

e chidda ca scutissi li putenti

truvassinu la giusta suluzioni

sinnò ’a to morti un’ha sirvutu a nenti.

 

Manu-manuzza ora cu to frati

passiati nte jardini ’n paraddisu

accumpagnati d’’a vostra matruzza

ca vi ’ncuraggia e alliscia c’un surrisu.

 

 

Vincenzo Aiello

Bagheria, novembre 2015

Nessun commento ancora

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *